Spazzolatura a secco per combattere la cellulite, come farla a casa

 In Ricette cosmetiche
logo ricette

Tempo: 15 minuti  |  Difficoltà: facile

spazzolatura-a-secco

“La pelle sa tutto. Ricorda mani, odori, superfici, …”

(Fabrizio Caramagna)

Dry Brushing (o Dry Body Brushing), ovvero spazzolatura a secco del corpo: tutti ne parlano ma cosa è davvero e soprattutto quali sono i benefici?
Si tratta di un rituale ayurvedico, ispirato alla medicina indiana.
Chi lo utilizza può trarre giovamento nel caso di cellulite, ritenzione idrica, cattiva circolazione sanguigna e linfatica, e allo stesso tempo, dona una pelle liscia e luminosa grazie al peeling delicato che si ottiene.

In poche parole la spazzolatura a secco regala risultati e benefici evidenti a tutto il corpo.

Concediti questo rituale la mattina per risveglierà il corpo; lo riattiverà energeticamente e stimolerà la circolazione periferica.

Ingredienti

Spazzola in setole naturali (come la juta, sisal o tampico)
Olio o crema idratante

Preparazione

step-1-spazzolatura-a-secco
  1. Il dry brushing è davvero semplice da eseguire: si lavora sempre dal basso verso l’alto, andando verso il cuore.
step-2-spazzolatura-a-secco

2. Si parte dalle caviglie e con movimenti circolari si risale fino ai glutei. Dalle mani, agli avambracci per arrivare alle spalle.
Nella zona addominale, eseguire la spazzolatura con movimenti circolari in senso orario, rispettando così l’anatomia dell’intestino.
Raccomandazione: evitare di spazzolare il seno, in quanto zona sensibile e ricca di tessuto ghiandolare.

I consigli dell’esperta

Tra le istruzioni per una corretta spazzolatura a secco, quella relativa alla frequenza.
Si consiglia infatti di ripetere il dry brushing 2 volte alla settimana.

Ci sono inoltre dei momenti migliori di altri per farla, ecco quali sono:

la mattina prima della doccia: dedica 5 minuti agli arti inferiori, 3 minuti agli arti superiori e 7 minuti schiena e addome. Fai la doccia e applica poi un olio o una buona crema idratante.

Il dry brushing viene eseguito con una spazzola in setole naturali come la juta, sisal o tampico.

Dovrebbe essere piacevole e rilassante; se non lo è, significa che la gestualità è troppo aggressiva.
Il trattamento, inoltre, è controindicato in caso di: eczema, psoriasi, ferite, scottature, irritazioni. Se la pelle sembra irritarsi dopo la prima spazzolatura, ridurre la frequenza o interrompere del tutto.

La spazzolatura a secco corpo potrebbe essere una buona preparazione per iniziare un protocollo trattamenti dall’estetista.

Buon rituale!

 

Anastasia Garaba è titolare di Anastasia Istituto di bellezza ed è specializzata in estetica ed estetica energetica per il riequilibrio del corpo.

Articoli recenti
0